Menu
Tags Posts tagged with "eventi"

eventi

1364

Da qualche giorno si è conclusa la fiera ExpoRiva Hotel, manifestazione dedicata al mondo dell’Ho.Re.Ca e della ristorazione in particolare, ne avevamo parlato qualche settimana fa.

L’edizione 2014 ci ha visti come protagonisti, con uno stand con cucina al padiglione B1. Qui abbiamo incontrato centinaia di operatori specializzati del canale Ho.Re.Ca, clienti e potenziali clienti.
La nostra partecipazione ad ExpoRiva Hotel è stata decisa dopo aver vissuto da “spettatori” l’evento negli anni scorsi. Avevamo visto come la manifestazione di Riva del Garda fosse il vero punto di riferimento nell’ambito dell’accoglienza e della ristorazione nella zona del Lago di Garda e non solo.
Tanti i professionisti presenti e molti i marchi importanti presenti in passato, così la direzione di Polo ha deciso di partecipare attivamente ad ExpoRiva Hotel 2014.

Stand Polo Ristorazione a ExpoRiva Hotel

Lo stand Polo è stato pensato aperto, per invogliare tutti gli operatori a entrare nell’area espositiva. All’interno ciascun professionista della ristorazione ha potuto confrontarsi col rispettivo agente di zona, degustare i prodotti preparati dagli chef Polo e vedere i video con le presentazioni dei corsi di formazione per la ristorazione che vengono organizzati di anno in anno.
L’obiettivo non era creare una sala ristorante (siamo sempre più convinti che la ristorazione stia cambiando) ne tantomeno una vetrina prodotti, volevamo parlare con chi vive ogni giorno l’ospitalità e la ristorazione.

Degustazioni Polo a ExpoRiva Hotel

Insieme a te in cucina“, pay-off del logo Polo, per noi significa trasparenza e confronto, in ogni occasione.
Così, anche a ExpoRiva Hotel, ci siamo concentrati sul rapporto umano, sulle tendenze della cucina e sulle nuove opportunità che i ristoratori possono avere oggi nella gestione dell’attività.
Un sentito grazie a tutti i professionisti della ristorazione che sono venuti a trovarci a ExpoRiva Hotel 2014.
Tutte le foto della manifestazione sono disponibili nella nostra pagina Facebook.

1166

ExpoRiva Hotel è una delle manifestazioni fieristiche più importanti del settore Ho.Re.Ca., grazie anche ad un forte carattere territoriale. L’evento, giunto alla 38esima edizione, rappresenta un ottimo punto d’incontro per i professionisti della ristorazione e dell’hotellerie.
Polo Ristorazione sarà presente alla manifestazione di Riva del Garda in qualità di azienda espositrice.

ExpoRiva Hotel 2014

Le aree tematiche di ExpoRiva Hotel – 26-29 Gennaio 2014:

  1. Riva Contract & Design: uno spazio dedicato alla tecnologia e al design, in particolare a come queste due specificità possono essere utilizzate al servizio dell’ospitalità.
  2. Riva Eco Hotel: il risparmio energetico e l’eco-friendly sono fenomeni ormai ben diffusi, qui le proposte innovative per la sostenibilità e il risparmio delle energie in hotel.
  3. Riva Benessere Hotel: molti sono gli hotel che propongono anche attività di spa a supporto dell’ospitalità classica, in quest’area soluzioni e idee per il centro benessere in hotel.
  4. Riva Food&Beverage: l’area che ci interessa più da vicino con le tendenze 2014 dei prodotti alimentari per il canale Ho.Re.Ca.

Particolarmente ricco anche il calendario eventi: ci saranno più di 20 convegni e seminari su specifiche tematiche legate al mondo Horeca.
Si tratta dunque di un evento veramente interessante per tutti gli operatori. Gennaio è il mese ideale per pianificare le varie attività dell’anno e l’appuntamento di Riva del Garda è fondamentale per capire le nuove tendenze territoriali.

A breve, sulla sezione notizie del Polo Store, tutti i dettagli della nostra presenza a ExpoRiva Hotel.

1107

Innovazione nella ristorazione: venerdì 13 dicembre siamo stati ospiti in Digital Accademia, la scuola di formazione digitale per le imprese creata da H-Farm, incubatore di start-up.

I giovani talenti del MADEE (Master in Digital Economics & Entrepreneurship) hanno terminato un progetto sull’innovazione nella ristorazione e ci hanno invitato per avere qualche suggerimento utile sul settore.
Il web e il digitale stanno prendendo piede tra tutti noi, ma cosa accade nella ristorazione? Chef, albergatori e ristoratori come utilizzano queste nuove tecnologie?

Innovazione nella ristorazione

I giovani del Madee, con la presentazione del lavoro di gruppo sull’innovazione nella ristorazione, hanno fatto un buon lavoro. Le soluzioni proposte erano concrete e non estreme dal punto di vista dell’utilizzo.
Il digitale può sicuramente aiutare i professionisti della ristorazione, sia nella gestione della vendita sia nell’organizzazione degli acquisti.
App, ecommerce, social network e community sono termini e attività che pian piano entreranno nel vocabolario di cuochi e responsabili di locali.

Polo ringrazia Digital Accademia per l’invito e augura un futuro roseo ai talenti del Master Madee.

1323

La serata di premiazione del Premio Montegrande 2013 si è tenuta giovedì 21 Novembre scorso. L’evento, giunto alla nona edizione, è una avvincente iniziativa nel panorama della cucina veneta e ci vedeva come uno degli sponsor principali. Da segnalare che quest’anno l’evento era supportato anche da Nonno Nanni, la nota azienda produttrici di formaggi a pasta molle.
Tra i partecipanti anche il vincitore del Premio Montegrande 2012 che ha avuto l’opportunità di mostrare la sua abilità in cucina anche in trasmissioni televisive nazionali.

Il tema dell’edizione di quest’anno era “interpretazioni del formaggio robiola e stracchino del Nonno Nanni in un antipasto o caldo o freddo, con la presenza di almeno un frutto e di un ortaggio di stagione autunnale”. Alla serata finale del concorso hanno partecipato 16 selezionati giovani talentuosi chef del Veneto under 30 dei 50 totali iscritti al Premio Montegrande.

Vincitori premio montegrande 2013

Il vincitore del concorso è stato Giulio Masiero, venticinquenne chef dell’Osteria 3 Quarti (centro storico di Padova) con il piatto “Cheesecake di stracchino, robiola e melograna di lamponi”.

Il piatto vincitore del Premio Montegrande 2013
Il piatto vincitore del Premio Montegrande 2013

Al secondo posto si è classificato Raffaele Minute di Belluno con il piatto “Non dolce autunnale: bavarese alla robiola e stracchino con radicchio di Santa Giustina e zucca su pane alle noci feltrine, grissino di polenta alle rape, agretto di melograno e gocce di caco vaniglia”.
A completare il podio il padovano Marco Galtarossa, giovane chef impegnato ad Abano Terme, col piatto intitolato “Macaron di robiola infornata, gel di stracchino alla rapa rossa e mela verde, gelato di cachi e pioppini in agrodolce”.
L’edizione 2013 del Premio Montegrande si è confermata come una delle iniziative più importanti per gli chef veneti under 30 per mettersi in mostra. Una vetrina che può regalare grandi soddisfazioni, come dimostra la partecipazione del vincitore del Premio 2012 a trasmissioni culinarie su RaiUno.

Polo Ristorazione è lieta di aver supportato l’evento, la cucina veneta ha costantemente bisogno di spunti freschi e di giovani chef appassionati.

1419

Anche quest’anno ritorna il Premio Montegrande, giunto alla 9° edizione. Si tratta di un evento unico nel suo genere che ha l’obiettivo di mettere in luce gli chef più giovani e talentuosi del Veneto.
La figura dello chef sta acquisendo un ruolo centrale sia in cucina che in sala, sta diventando il ruolo chiave dell’attività di ristorazione.
Il responsabile della cucina deve saper valorizzare le materie prime territoriali, mantenere in equilibrio il food cost e colloquiare con i clienti. E’ una mansione articolata basata sia su competenze specifiche che sul carattere vero e proprio della persona.

Premio Montegrande 2013
Gli chef impegnati nell’edizione 2012 del Premio MonteGrande

I talenti in cucina sono tanti, come fare a valorizzarli? Ecco lo scopo del Premio Montegrande.
La volontà è di mettere in luce i migliori giovani chef del territorio veneto attraverso una prova culinaria.
Il tema dell’edizione 2013 sarà l’elaborazione di un antipasto (caldo o freddo) che preveda l’uso di almeno un frutto e di un ortaggio della stagione autunnale. Il concorso è aperto a tutti gli chef junior con età inferiore ai 30 anni. Termine ultimo per l’iscrizione è il 30 Novembre.

Per i vincitori tanti premi interessanti:

  1. premio: buono di 1.000€ da spendere nell’agenzia Barbieri Viaggi di Mestrino (PD) per un viaggio a piacere della Grandi Viaggi offerto in collaborazione con la Polo Spa;
  2. premio: confezionatrice sottovuoto Evox 30;
  3. premio: friggitrice da banco 4l Karel.

In più 2 premi speciali: 2 soggiorni di 2 notti in pensione completa per 2 persone presso uno dei Thermae GB Hotels di Abano Terme.
Il primo premio speciale sarà assegnato al piatto che dal punto di vista visivo risulti essere quello più appetibile per cromia, per disposizione e per originalità. L’altro, il Premio Memorial a Franco Valentini, sarà assegnato allo chef che spiccherà per professionalità, passione e abilità in cucina.

Tutte le informazioni dettagliate su ristorantemontegrande.it.

2056

Iniziamo a parlare del Finger Food Experience del 24 Giugno dalla parte finale, dai complimenti allo chef e all’ottimo riscontro che i prodotti IceWer hanno dato in fase di degustazione. Al termine dell’evento la piacevole chiacchierata con i clienti presenti ci ha confermato l’utilità di un corso così specifico sul finger food.
La ristorazione sta cambiando e, per andare incontro al “cliente finale”, bisogna innovare. Il seminario aveva proprio questo scopo: fornire idee fresche per proporre piatti nuovi e aiutare gli chef nel lavoro quotidiano.
L’evento è stato organizzato da Polo in collaborazione con IceWer, azienda trevigiana che si occupa di finger food. Il corso, iniziato alle 17, è andato avanti fino alle 19:30 con lo chef Stefano Vianello a dispensare idee originali da proporre sia nei ristoranti che negli hotel e nei bar.

Finger food experience Stefano Vianello

I 50 clienti (posti limitati per la capienza massima del giardino pensile) durante le due ore e mezza di dimostrazione hanno visto come preparare in velocità queste soluzioni originali, sia per il dolce che per il salato.
A noi di Polo hanno fatto molto piacere le pause per le domande: l’interesse per la famiglia del finger food è elevato e tanti chef e ristoratori volevano capire bene come preparare e sfruttare al meglio i prodotti.
Gli articoli sono praticamente già pronti da servire, ma gli abbinamenti non sono così scontati. Bisogna personalizzarli con sapienza per avere la massima soddisfazione del cliente.

Finger Food Experience - salato

La frase che più abbiamo sentito è stata “un conto è vedere le foto dei prodotti a catalogo, un altro è toccarli con mano”.
Purtroppo il tempo è sempre poco ed eventi come il Finger Food Experience riescono a staccare il ristoratore dal lavoro quotidiano, offrendo l’opportunità di conoscere nuove possibilità.
La curiosità per assaggiare i prodotti era tanta, così alle 19:30, termine del corso, si è dato il via alla degustazione. Ad attendere gli ospiti due tavoli di buffet, con finger food dolce e salato.
Lo chef ha seguito in prima persona questo momento, dando informazioni sui piatti e sui metodi di preparazione.
Il momento degli assaggi è stato per noi un’ottima occasione per confrontarci con i clienti e per discutere della nostra passione, la cucina di qualità.

Stiamo pianificando le prossime date del Finger Food Experience, a breve notizie in merito.
Tutte le foto dell’evento sono caricate nella nostra pagina Facebook.

1757

Venerdì 17 Maggio la direzione di Polo con la forza vendite è stata invitata in Orogel, una delle aziende più importanti in Italia (conosciute anche nel food service per la ristorazione) nel campo della produzione e della surgelazione delle verdure fresche.

Orogel food service

Orogel è una realtà nota nel territorio italiano per l’innovazione e la qualità dei prodotti agroalimentari, con più di 2000 lavoratori impegnati. Nell’organico di Orogel anche un team chef destinato a dimostrazioni, show cooking, ricerca e sviluppo per nuovi prodotti e molto altro.
Un’azienda ben organizzata dunque e, nello specifico, ben inserita nel panorama del food service.

Verdure surgelate

La giornata a Cesena ha fatto conoscere a Polo i valori fondanti dell’azienda Orogel. Il responsabile vendite ha infatti mostrato la vision e alcuni dati riferiti alla commercializzazione delle verdure nel settore del food service: i volumi sono costantemente in crescita, segnale chiaro che i prodotti ortofrutticoli non risentono minimamente della crisi, anzi possono fornire ottimi spunti anche alla ristorazione.
Il successivo tour aziendale ha fatto vedere il ciclo completo della lavorazione Orogel, dall’arrivo dei camion con un determinato tipo di verdura (dipende dalla stagionalità) alla pallettizzazione dei cartoni colorati.
La degustazione finale ci ha fatto apprezzare la bontà delle verdure fresche surgelate Orogel e l’ampia gamma di referenze sul mercato.

Polo ringrazia Orogel per la bellissima esperienza, è sempre un piacere visitare aziende così innovative e attive!

Tutte le foto della giornata sono disponibili nella nostra pagina Facebook.

1304

Si è concluso ieri il Meeting di Mesola 2013 (8 e 9 Aprile), appuntamento fondamentale per i professionisti della ristorazione delle province di Ferrara, Venezia e Rovigo.
Polo, dopo il successo dell’edizione del 2011, ha riproposto questo evento dedicato alle attività continuative (bar e ristoranti) e a quelle stagionali, in particolar modo di Chioggia/Sottomarina e dei lidi ferraresi.

meeting mesola ristorazione 2013

L’obiettivo di Polo, con questa manifestazione, era di mettere in contatto gli operatori della cucina con i fornitori dei prodotti alimentari.
Occasioni simili sono rare, seppur molto utili per entrambi: i professionisti della ristorazione possono capire in dettaglio le potenzialità dei prodotti alimentari e i fornitori hanno la possibilità di spiegare adeguatamente le caratteristiche degli articoli agli chef e ai ristoratori.

Il Meeting di Mesola 2013 ha visto la partecipazione di tantissimi ospiti, sia lunedì 8 che martedì 9 Aprile. Il segnale è chiaro: l’evento era interessante perché proponeva soluzioni e novità specifiche per quel tipo di pubblico. I fornitori presenti hanno infatti esposto e preparato/cucinato prodotti fondamentali proprio per quelle attività delle zone del basso Veneto.

Nella nostra pagina Facebook sono visibili le foto dell’evento.

1282

Food Academy è un percorso di formazione, per i professionisti della ristorazione e del settore food, ideato da Polo e da Demetra.
Dopo le scorse edizioni di settembre (preparazione del dessert e analisi dei relativi costi) e di ottobre (l’utilizzo dei funghi in cucina), a Febbraio 2013 si terranno due nuovi seminari:

Pizza: le migliori farciture – 5 Febbraio 2013
Un pomeriggio dedicato al prodotto italiano per eccellenza: la pizza. Durante le 3 ore di corso verranno analizzati e spiegati ben 14 tipi di farciture per pizze rosse, bianche e dolci. Oltre ai professionisti di Demetra, ci saranno anche gli esperti di Molino Agugiaro per fornire tutte le informazioni necessarie sui vari tipi di farine.
Una parte dell’evento sarà in particolar modo dedicata alla redditività delle diverse farciture, variabile fondamentale di food cost.

Menu ad alta redditività – 6 Febbraio 2013
Un corso pensato per aiutare i professionisti della ristorazione a fare i conti con i piatti: non un seminario di food cost, ma una presentazione di spunti per portate ad alto rendimento economico.
Grazie all’utilizzo di particolari prodotti alimentari infatti è possibile ottenere grandi risultati per la propria attività.
Il menu necessita di particolare attenzione e deve essere ideato avendo una approfondita conoscenza di tutte le varianti di articoli disponibili.
Lo chef Demetra offrirà diversi suggerimenti utili già testati in tante cucine.

Food Academy ristorazione

I corsi si terranno con orario 15-18 presso la sede di Polo. La partecipazione è gratuita e riservata ai professionisti della ristorazione.
Per registrarsi basta inviare una mail a marketing@poloristorazione.it, segnalando la ragione sociale e il numero dei partecipanti.

1138

“The World’s 50 best restaurants”, sponsorizzato da Acqua Panna e San Pellegrino, è uno dei riconoscimenti più importanti per i ristoranti di tutto il mondo.

La lista, emanata lo scorso 30 Aprile, propone una selezione dei 50 migliori ristoranti al mondo secondo una giuria composta da 837 esperti del settore che li hanno testati nell’arco degli ultimi 18 mesi.
I riconoscimenti sono stati assegnati con libero arbitrio: i giurati potevano selezionare qualsiasi attività nel mondo che, secondo loro, presentasse livelli di eccellenza nella qualità del servizio globale.

Queste le prime dieci posizioni:

  1. Noma | Copenhagen – Danimarca
  2. El Celler de Can Roca | Girona – Spagna
  3. Mugaritz | San Sebastian – Spagna
  4. D.O.M. | San Paolo – Brasile
  5. Osteria Francescana | Modena – Italia
  6. Per Se | New York – Stati Uniti
  7. Alinea | Chicago – Stati Uniti
  8. Arzak | San Sebastian – Spagna
  9. Dinner By Heston Blumental | Londra – Inghilterra
  10. Eleven Madison Park | New York – Stati Uniti

Oltre all’Osteria Francescana di Modena, classificata al quinto posto, altridue ristoranti italiani tra i migliori 50: Il Canto di Siena in 46esima posizione e Le Calandre Di Rubano (PD) – 32esimi, che ormai si dimostra una piacevole costante, a livello mondiale, per la ristorazione di Padova.

Analizzando questi risultati per nazione si nota che gli Stati Uniti hanno ben 8 attività nelle prime cinquanta posizioni, Inghilterra e Francia 7, Spagna 5 e l’Italia solo tre ristoranti.

migliori ristoranti al mondo

Ciò che fa pensare è l’esiguo numero di locali nelle prime posizioni al mondo per il belpaese. Se il totale di 8 nominati per gli Stati Uniti è legato alle dimensioni territoriali americane, lo stesso ragionamento non può essere valido per “concorrenti diretti” come Spagna, Francia e Inghilterra.
Certo la lista dei premiati è indicativa, ma la ristorazione italiana di eccellenza non è alla pari, per numero, a quella delle altre nazioni europee. Questa anomalia è particolare in relazione anche alla ricca e longeva cultura enogastronomica del nostro paese.

Nel 2011 però ben sei ristoranti italiani entrarono in classifica. Speriamo quindi sia stata solo un’edizione sfortunata per la nostra ristorazione di eccellenza, un’annata particolare segnata anche dal difficile contesto economico.

Polo si complimenta con l’Osteria Francescana di Modena, Le Calandre di Rubano e Il Canto di Siena per aver valorizzato ancora una volta il settore della ristorazione di qualità, la nostra passione quotidiana.

Complimenti!